0
€ 0.00
Mierda del Labor
5
0
3
BOTTLED:
Deciembre 2011
Price
9.90 €
Quantity
1
TENERLA SEMPRE CON SÉ AIUTA PER:
Situazioni e ambienti lavorativi facili e difficili, progetti più o meno importanti, ottimizzazione delle ore lavorative, ottenere una promozione, migliorare il rapporto con i colleghi

Con la Mierda del Labor,
i tuoi peggiori momenti di lavoro non saranno i peggiori

(Con Mierda del Labor, tu peor labor no será el peor)

Palabra de:

Pedro Alvarez de Las Empanadas

Mierda del Labor - Pedro munge la Vacca

Mierda del Labor funziona? Si.

Ecco la sperimentazione scientifica operata da Pedro Alvarez de Las Empanadas in persona, presso la sua fazenda.

Le note di Pedro.
Experimentacion de MIERDADEVACAS: Mierda del Labor.

Mierda del Labor - Guanto de Paco

Ho lavorato la mierda de vacas, ho aggiunto pezzi di guanto da lavoro di mio padre Paco e ho creato la Mierda del Labor

Quando Pedro lavoró
SENZA la MIERDADEVACAS
Senza MIERDADEVACAS

17 de Setiembre 1963

Experimentacion
17/09/1963 - 07:00

Sulla collina di Encarnacion esta la fazenda dove vivo con le mie vacche.
Ho messo i miei soliti pantaloni marroni, la camicia nocciola con fantasia di fiori e il cappello di paglia.

17/09/1963 - 07:20

Ho gridato "vamos" a Gonzales il cane, ho lasciato volontariamente la Mierda del Labor sul tavolo e sono uscito per la Experimentacion.


17/09/1963 - 07:25

Ho camminato fino alla stalla su terreno umido, una fredda brezza mi ha fatto colare il naso. Gonzales è sparito nei campi.

17/09/1963 - 07:30

Ho iniziato a mungere la mucca Penelope.
Il calor della mammella mentre la strizzavo nella mia mano, como siempre mi ha fatto ripensar a quando ero un niño e mio padre Paco mi insegnava l'arte della mungitura.
Un improvviso e rumoroso starnuto ha però interrotto i miei ricordi, e a causa dello slancio irruento ho tirato bruscamente verso il basso la mammella della povera vacca che si è spostata e ha scalciato colpendo in pieno la mia spalla.


17/09/1963 - 07:40

Ho pensato alla Virgen del Rosario mentre soffrivo per il gran dolor.

17/09/1963 - 09:30

Finita la mungitura, alla ora di siempre sono arrivati i miei amici Juan e Felipe, per fare una pausa e bere insieme latte caldo appena munto e rum.

17/09/1963 - 09:55

Dopo aver bevuto numerose tazze Felipe ci ha raccontato con mucho trasporto la barzelletta del pastore ballerino, e detta la battuta finale ha riso e mi ha dato una forte pacca sulla stessa spalla colpita dal calcio della mucca.
Ho sentito un gran dolor, e ho sputato il miscuglio di latte e rum che avevo in bocca in faccia a Juan, che ha smesso di ridere e mi ha sferrato un forte pugno nello stomaco.

17/09/1963 - 10:10

Siamo tornati ognuno al proprio duro lavor. Io ho raggiunto sul prato le vacche, mi sono seduto sotto la grande quercia e ho iniziato a controllarle e osservarle pascolar.

17/09/1963 - 12:45

Mi sono svegliato di colpo con Gonzales il cane che mi leccava la faccia. La sua lingua aveva lo sgradevole odore del grillo talpa.
Sono andato in cima alla collina per comunicar con i miei amici. Ho portato le mani alla bocca e gridando ho chiesto a Felipe dove andavamo a mangiar. Lui ha gridato a Juan, e poi ha gridato a me il nome del solito bar.


17/09/1963 - 13:05

Arrivati al Bar del Gaucho io ho ordinato la Bombita che ho condito con l'olio del Diablo che era li sul bancone. Il tappo della bottiglia però non era chiuso bene, si è staccato e quasi tutto l'olio è finito sul mio piatto. Juan mi ha preso in giro e mi ha detto che di sicuro non ero abbastanza uomo da mangiarlo. Io gli ho sorriso e ho mangiato tutta la Bombita. Hov chiesto anche il pane per pulire il piatto.

17/09/1963 - 14:45

Siamo ritornati alle fazende e ognuno ha ripreso il suo lavoro. Io ho raggiunto le vacche, mi sono seduto sotto la quercia e ho iniziato a sorvegliarle e guardarle pascolar.


17/09/1963 - 16:23

Mi sono svegliato di colpo, con un'improvvisa e pungente fitta all'intestino.
Ho pensato alla Virgen del Rosario e anche un po' all'olio del Diablo.
Mi sono allontanato il più possibile dalla quercia, ma non ho fatto in tempo a trovare un posto riparato. Mi sono accovacciato e liberato.

17/09/1963 - 16:27

Ho sentito Gonzales il cane che abbaiava, mi sono voltato e ho visto Carlos il postino avvicinarsi per consegnarmi una lettera.
Ci siamo guardati, fermi e in silenzio, poi lui mi ha detto che tornava domani, che non era urgente.

17/09/1963 - 16:39

Sono tornato molto provato, e ferito nell'orgoglio, al mio posto di lavor.




17/09/1963 - 18:00

Dopo il sesto rintocco del campanile, mi sono alzato e ho iniziato a riportare le mucche nella stalla. Molto lentamente.

Quando Pedro lavoró
CON la MIERDADEVACAS
Con MIERDADEVACAS

18 de Setiembre 1963

Experimentacion
18/09/1962 - 07:00

Ho rimesso i miei soliti pantaloni marroni, la camicia nocciola con fantasia di fiori e il cappello di paglia.



18/09/1963 - 07:20

Ho gridato "vamos" a Gonzales il cane, ho preso la Mierda del Labor che avevo lasciato sul tavolo il giorno prima e sono uscito per la Experimentacion.


18/09/1963 - 07:25

Ho camminato fino alla stalla su terreno umido, una fredda brezza mi ha fatto colare il naso. Gonzales è sparito nei campi.

18/09/1963 - 07:30

Ho iniziato a mungere la mucca Adelita.
Ho ripensato a mio padre. Anche questa volta un improvviso e rumoroso starnuto ha interrotto i miei ricordi, e a causa dello slancio irruento sono finito a terra sdraiato e ho tirato bruscamente verso il basso la mammella della povera vacca che ha scalciato senza colpirmi.






18/09/1963 - 07:35

Ho ripreso la mungitura e a ripensare a mio padre e anche un po' alla mia prima fidanzata Pepita.

18/09/1963 - 09:30

Finita la mungitura, alla ora di siempre sono arrivati i miei amici Juan e Felipe, per fare una pausa e bere insieme latte caldo appena munto e rum.

18/09/1963 - 09:48

Dopo aver bevuto numerose tazze Felipe ci ha raccontato con molto trasporto la barzelletta del toro campione di monta. L'improvvisa e travolgente battuta finale mi ha fatto andare di traverso il miscuglio di latte e rum che avevo in bocca e l'ho sputato in direzione di Juan, che peró per la gran risata si era piegato in avanti con le mani sulle ginocchia. L'ho colpito sulla schiena e non si è accorto di nulla.

18/09/1963 - 10:13

Siamo tornati ognuno al proprio lavor. Io ho raggiunto sul prato le vacche, mi sono seduto sotto la grande quercia e ho iniziato a controllarle e osservarle pascolar.


18/09/1963 - 12:58

Mi sono svegliato di colpo con Gonzales il cane che mi leccava la faccia. La sua lingua aveva il piacevole odore dell'erba di campo.
Sono andato in cima alla collina per comunicar con i miei amici. Ho portato le mani alla bocca e gridando ho chiesto a Felipe dove andavamo a mangiar. Lui ha parlato con Juan che era già li, e poi ha gridato a me il nome del solito bar.

18/09/1963 - 13:05

Arrivati al Bar del Gaucho ho ordinato di nuovo la Bombita che ho condito con l'olio del Diablo che era li sul bancone. Anche questa volta il tappo si è staccato, ma poco olio è finito nel mio piatto. Nessuno aveva ancora riempito di nuovo la bottiglia. Ho mangiato tutta la Bombita e ho chiesto anche il pane per pulire il piatto.



18/09/1963 - 14:50

Siamo ritornati alle fazende e ognuno ha ripreso il suo lavoro. Io ho raggiunto le vacche, mi sono seduto sotto la grande quercia e ho iniziato a sorvegliarle e guardarle pascolar.

18/09/1963 - 16:44

Mi sono svegliato di colpo, con una leggera fitta all'intestino.
Ho pensato alla Bombita e a quello che avrei mangiato il giorno dopo. Sono arrivato tranquillamente dietro il mio solito cespuglio, mi sono accovacciato e liberato.



18/09/1963 - 16:47

Ho sentito Gonzales il cane che abbaiava, ho spiato tra le foglie e ho visto Carlos il postino sotto la quercia che mi cercava. Si è guardato un po' intorno, ha detto qualcosa a Gonzales il cane poi mi ha lasciato una lettera per terra ed è andato via.


18/09/1963 - 22:23

Sono tornato al mio posto di lavor. Ho aperto la lettera. Era del mio caro cugino Hernando che mi raccontava che a causa del successo della sua nuova attività "Il caballero itinerante" non aveva più tempo per governare i suoi animali e mi regalava le sue tre mucche.

18/09/1963 - 22:26

Dopo il sesto rintocco del campanile, mi sono alzato e ho iniziato a riportare le mucche nella stalla.


La deduzione di Pedro:

MIERDADEVACAS -Pedro Alvarez de Las Empanadas

Dopo questa experimentacion de la MIERDADEVACAS, dico che i danni sono ridotti e che la Mierda del Labor funziona.

Palabra de:

Pedro Alvarez de Las Empanadas

Con Mierda del Labor,
tu peor no será el peor

Mierda del Labor - Mai lavorare senza
5
0
3
BOTTLED:
Deciembre 2011
Price
9.90 €
Quantity
1
Terms & Conditions    |    Contacts    |   Cookies   
© COPYRIGHT 2011 MDV - p.iva 01312190521